EN 131 – Le novità più significative

Sicurezza garantita

Sicurezza garantita. EN 131 – Le novità più significative:

La norma EN 131-1+2* vigente per le scale è stata rielaborata completamente. Al più tardi entro la fine del 2017 le nuove edizioni entreranno in vigore in tutta Europa. Qui vi offriamo una panoramica dei singoli testi richiesti dalla nuova norma nonché delle più importanti novità per una sicurezza sul lavoro superiore sulle scale. È necessario osservare che con la nuova norma europea per le scale alcune funzioni non saranno più disponibili o saranno disponibili solo limitatamente.


I vantaggi per voi: sempre a norma, con ZARGES!

  • Garantito per legge
    Le scale ZARGES soddisfano i requisiti della Legge sulla tutela del lavoro e corrispondono al più avanzato stato della tecnica. Corrispondono alla classe “professionale, pertanto potete starne certi: le scale ZARGES sono professionali come voi, nell’artigianato, nell’industria o in ambito privato.
  • Lavorare in sicurezza
    I nuovi, severi test l’hanno dimostrato: le scale ZARGES a norma sono stabili e antiscivolo, di conseguenza è possibile prevenire i pericoli e ridurre gli incidenti e i problemi sul lavoro.
  • Soddisfare i requisiti a livello europeo
    Le nuove versioni della EN 131-1+2 valgono in tutta Europa. Indipendentemente da dove lavoriate in Europa, le scale ZARGES soddisfano i requisiti delle norme in tutta Europa.
  • Un investimento con vantaggi che durano nel tempo
    Le scale ZARGES sono ancora più robuste e durevoli grazie ai severi test della norma rielaborata. Di conseguenza, non investite solo in sicurezza ma acquistate un dispositivo di salita affidabile, che vi accompagnerà per lungo tempo.

EN 131-1+2 – Che cosa è cambiato?

  • Classificazione “Professionale“ e “Non-professionale”: In futuro le scale saranno suddivise in due classi: “Professionale” indica una scala ideata per l’utilizzo nel mondo del lavoro. “Non-professionale” indica scale per utilizzo privato. Tutte le scale ZARGES sono classificate come professionali, senza alcuna eccezione.
  • Test più severi – scale più robuste: Test aggiuntivi e più severi spingono le scale fino ai limiti di sollecitazione. Questo non vale per le scale ZARGES. Tutti i controlli sono stati superati in modo brillante.
  • Appoggio più ampio: Per tutte le scale che possono essere utilizzate come scale da appoggio, si prevede un allargamento d’appoggio (traversa), a partire da una lunghezza di 3.000 mm. Un appoggio più stabile e sicuro per le più diverse attività.
    IMPORTANTE: Grazie a questo nuovo requisito, per le scale estensibili di lunghezza superiore a 3.000 mm quando introdotte, le parti di scala non possono più essere utilizzate separatamente. In caso di scale multiuso, che introdotte hanno lunghezza superiore a 3.000 mm, la parte di scala superiore non può più essere utilizzata separatamente; queste scale non possono neanche più essere utilizzate come scale d’accesso.

FAQ su EN 131-1+2

Che cos’è la direttiva EN 131?

  • La direttiva EN 131 è la norma vigente in Europa per le scale portatili.
  • Nelle sei parti della norma si disciplinano tipo + esecuzioni, controllo nonché contrassegnatura e manuale delle istruzioni per garantire a livello europeo standard qualitativi e di sicurezza unitari.
  • La nuova edizione della direttiva EN 131-1 è già stata pubblicata alla fine del 2015, quella della EN131-2 nel gennaio 2017. Entrambe avranno un periodo di transizione fino alla fine del 2017.
  • Nelle nuove edizioni della direttiva EN 131-2 tutte le scale sono suddivise in due classi:
    “Professionale” indica una scala ideata per l’utilizzo nel mondo del lavoro.
    “Non-professionale” indica scale per utilizzo privato.
  • I requisiti di controllo per “professionale” sono pertanto più severi.

Come cambiano le scale ai sensi della norma?

Per tutte le scale che possono essere utilizzate come scale da appoggio, ai sensi della nuova norma, è necessario un allargamento d’appoggio, a partire da una lunghezza di 3.000 mm.

Questo nuovo requisito fa sì che per le scale realizzate con più componenti alcune funzioni non siano più disponibili:

  • per le scale estensibili di lunghezza superiore a 3.000 mm quando introdotte, le parti di scala non possono più essere utilizzate separatamente.
  • In caso di scale multiuso, che introdotte hanno lunghezza superiore a 3.000 mm, la parte di scala superiore non può più essere utilizzata separatamente; queste scale non possono neanche più essere utilizzate come scale d’accesso.

Perché e da chi è stata rielaborata la norma esistente?

La modifica della norma è stata elaborata dal Comitato europeo di normalizzazione (CEN) su iniziativa delle organizzazioni per la tutela dei consumatori.

Hanno collaborato, tra gli altri,

  • istituti di controllo
  • associazioni di categoria
  • Produttore

Quando entrerà in vigore la norma EN 131-1+2 rielaborata?

  • EN 131-1: Maggio 2016
  • EN 131-2: luglio 2017; tuttavia ai fabbricanti sarà garantito un periodo di transizione fino alla fine del 2017 per attuare i nuovi requisiti.

Per chi valgono le norme?

Per tutti i fabbricanti e i rivenditori che lanciano sul mercato in Europa sistemi di salita.

Quali sistemi di salita sono interessati dalle nuove norme?

La norma europea vale per le scale portatili. Non vale per scale per utilizzi professionali particolari come quelle per vigili del fuoco, quelle per salire sui tetti e scale mobili. Per le scale a uno o più snodi, vale la direttiva EN 131-4, per le scale telescopiche la EN 131-6, per le scale a pedana mobili la EN 131-7. La EN 131-1+2 non vale per le pedane, per le quali vale la direttiva EN 14183.

Che ne sarà delle scale già in mio possesso? Potrò riutilizzarle?

È possibile continuare a utilizzare le scale conformi alla vecchia norma EN 131-1?
Non è prevista alcuna tutela degli stock di scale vecchie, in ambito industriale e commerciale.

La legge tutela il datore di lavoro solo
se dopo una valutazione del rischio questi porta le scale
allo stato della tecnica.

Ne consegue che nei Paesi UE valgano norme simili. Possiamo pertanto affermare che questa dichiarazione vale per tutta Europa.

Come capisco se un prodotto è stato realizzato in conformità alla nuova norma?

ZARGES fornisce già da aprile 2017 tutte le scale in versione conforme alla nuova norma della classe "professionale". Le scale ZARGES conformi EN 131-1+2 sono riconoscibili dall’adesivo blu apposto direttamente sul prodotto.

Se le scale sono dotate di questo adesivo potete stare sicuri che soddisfano i requisiti delle norme EN 131-1:2015 e EN 131-2:2010+A2:2017. Le nostre scale sono già testate e certificate in conformità alle nuove norme TÜV.

Che cosa succede con le scale che fanno ancora riferimento alle vecchie norme?

La nuova norma non vieta espressamente di continuare a utilizzare le scale utilizzate fino a oggi, tuttavia per gli utilizzatori professionali (ditte, enti etc.) in Europa valgono le relative norme di gestione. Esse disciplinano le “prescrizioni minime per la sicurezza e la salvaguardia della salute in riferimento alla predisposizione da parte del datore di lavoro e all’utilizzo di mezzi di lavoro da parte dei lavoratori”. In Germania questo regolamento è attuato dall’Ordinanza in materia di salute e sicurezza industriale (BetrSichV).

Il pilastro è l’obbligo di mantenere i mezzi di lavoro sempre allo stato attuale della tecnica. Inoltre, occorre svolgere una valutazione del rischio (per le scale ad es. ai sensi di TRBS 2121-parte 2) nonché un regolare controllo dei mezzi di lavoro.

Vi sono raccomandazioni di ZARGES in riferimento alle scale già esistenti?

Consigliamo alle aziende, indipendentemente dai controlli annuali delle scale, di fare svolgere sui loro sistemi di salita perizie con riferimento alla sicurezza. Per poter reagire in modo tempestivo, è inoltre consigliabile iniziare prima possibile: vi invitiamo pertanto a realizzare la valutazione del rischio quanto prima e a definire le misure necessarie entro la scadenza (fine 2017).

Come si svolge una valutazione del rischio e in che modo si può valutare se la scala può essere riutilizzata?

Una buona guida per una tale valutazione del rischio è fornita nella direttiva TRBS 2121 parte 2, oppure potete richiederla al fabbricante o ad aziende specializzate. Ma attenzione: solo il gestore può valutare e decidere se la scala può essere riutilizzata. Non dimenticate di documentare tale valutazione.

Le direttive per i controlli delle scale cambiano?

No, non cambiano; le aziende devono come sempre eseguire una volta all’anno un controllo sulle scale per assicurarsi che i sistemi di salita utilizzati corrispondano allo stato della tecnica e di conseguenza alle norme di legge, e che non mostrino danni.

Posso realizzare un retrofit delle scale già esistenti?

Sì! I sistemi di salita possono essere modificati in conformità ai regolamenti, ad esempio montando una traversa sulle scale da appoggio come previsto dalla EN 131-1.

Come posso assicurarmi che una scala su cui è stato realizzato un retrofit corrisponde a tutte le norme.

Non si garantisce che un retrofit corrisponda sempre a entrambe le parti della norma (131-1 e 131.2). Di conseguenza, questo va verificato.

Io sono un rivenditore: a partire dal 01/01/2018 potrò vendere solo scale conformi alla nuova norma?

Sì. Ai sensi del §6 par. 5 della Legge tedesca sulla sicurezza dei prodotti, “il rivenditore deve contribuire al lancio sul mercato solo di prodotti di consumo sicuri”. Ciò è possibile solo se i prodotti sono conformi allo stato della tecnica.

Quali vantaggi offre la nuova norma?

  • Garantito per legge: Le scale ZARGES soddisfano i requisiti della Legge sulla tutela del lavoro e corrispondono al più avanzato stato della tecnica. Corrispondono alla classe “professionale”.
  • Lavorare in sicurezza: I nuovi, severi test l’hanno dimostrato: le scale ZARGES a norma sono estremamente stabili e antiscivolo. Di conseguenza è ancora più facile prevenire incidenti e ridurre problemi sul lavoro.
  • Lavorare in sicurezza in tutta Europa: Le nuove edizioni della norma EN 131-1+2 valgono in tutta Europa. Indipendentemente da dove lavoriate in Europa, le scale ZARGES rispettano i requisiti di tale norma.
  • Un investimento con vantaggi che durano nel tempo: Le scale ZARGES conformi alla nuova norma sono più robuste e durevoli.

Che cosa c’è di nuovo nella EN 131-2? In che modo si svolge il test?

Requisito “Torsione sulle scale doppie”

Oggetto della prova:

  • Rigidità torsionale

Modalità di prova:

  • Si fissa il piede di una scala con un morsetto.
  • La piattaforma della scala è caricata con 736 N.
  • Poi, la scala viene tirata lateralmente con un carico di 137 N.

Il requisito:

  • Durante la sollecitazione, l’altro piede della scala può muoversi di max. 25 mm dalla sua posizione precedente.

SCALE "PROFESSIONALI" IN CONFORMITÀ A EN 131


Requisito “Sollecitazione duratura“

Oggetto della prova:

  • Sollecitazione duratura della scala

Modalità di prova:

  • Carico alternato del gradino/piolo più alto nonché di quello al centro della scala con 1.500 N
  • Ripetizioni non-professional: 10.000 cicli
  • Ripetizioni professional: 50.000 cicli

Il requisito:

  • Non devono verificarsi danni.

SCALE "PROFESSIONALI" IN CONFORMITÀ A EN 131


Requisito “Base Slip”

Oggetto della prova:

  • Resistenza allo scivolamento delle scarpe della scala.

Modalità di prova:

  • La scala è collocata su una lastra di vetro.
  • La parte centrale della scala è sollecitata con 1.471 N.
  • La sollecitazione è ripetuta quattro volte.

Il requisito:

  • I piedi della scala possono scivolare di massimo 40 mm entro 1 minuto.

SCALE "PROFESSIONALI" IN CONFORMITÀ A EN 131


Requisito “Torsione scale da appoggio“

Oggetto della prova:

  • Rigidità torsionale

Modalità di prova:

  • Nella prima fase, si applica sulla parte centrale della scala un carico di 491 N, che viene poi rimosso dopo 30 secondi. Questo viene poi fissato come valore iniziale.
  • Nella seconda fase, si carica uno staggio nella parte centrale con 638 N e si misura la deformazione di entrambi gli staggi rispetto al valore iniziale definito.

Il requisito:

  • La differenza tra le deformazioni dei due staggi non deve superare di oltre 0,07 la larghezza della scala.

SCALE "PROFESSIONALI" IN CONFORMITÀ A EN 131


Panoramica dei nuovi requisiti e test in conformità a DIN EN 131-1+2

La sicurezza prima di tutto: secondo le più recenti edizioni della norma EN 131-1+2 le scale devono osservare ulteriori e più severi requisiti. Nella panoramica potete visualizzare nuovi test e test più severi.

Requisito “Allargamento d’appoggio“

Il nuovo requisito:

  • Per tutte le scale che possono essere utilizzate come scale da appoggio, ai sensi della nuova norma, è necessario un allargamento d’appoggio, a partire da una lunghezza di 3.000 mm.
  • Allargamento d’appoggio fino a una larghezza massima di 1.200 mm, a seconda della lunghezza della scala.

Attenzione!

Questo nuovo requisito fa sì che per le scale realizzate con più componenti alcune funzioni non siano più disponibili:

  • per le scale estensibili di lunghezza superiore a 3.000 mm quando introdotte, le parti di scala non possono più essere utilizzate separatamente.
  • In caso di scale multiuso, che introdotte hanno lunghezza superiore a 3.000 mm, la parte di scala superiore non può più essere utilizzata separatamente; queste scale non possono neanche più essere utilizzate come scale d’accesso.

SCALE "PROFESSIONALI" IN CONFORMITÀ A EN 131


Requisito “Resistenza dello staggi”

Oggetto della prova:

  • La resistenza dello staggio

Modalità di prova:

  • Il gradino/piolo viene caricato in posizione di utilizzo, in un punto lontano dal suo centro, con un carico di prova di 2.700 N (professional)
    o 2.250 N (non-professional).

I requisiti:

  • La scala non deve essere danneggiata e il funzionamento deve essere sempre garantito.

SCALE "PROFESSIONALI" IN CONFORMITÀ A EN 131


Avete domande sulle modifiche alle norme o sui nostri prodotti?

Potete contattare il nostro team di assistenza al seguente

numero: +49 881 687-100
E-mail: vertrieb@zarges.de

oppure potete utilizzare il nostro modulo di contatto